La Leonessa è magica, battuto l’Unics Kazan

Nella prima giornata della 7DAYS EuroCup, tra le mura amiche del PalaLeonessa, la Germani Brescia Leonessa vince e convince nel match contro l’Unics Kazan. Dopo un ottimo primo quarto giocato dai bresciani, l’inerzia della partita è sempre rimasta ben salda nelle mani dei padroni di casa, che hanno poi dovuto solo gestire senza troppi patemi.

84-75 il risultato finale dell’incontro che andiamo ad analizzare mediante 5 punti

22-10 

Corrisponde al parziale propiziato nel primo periodo dagli uomini di Coach Vincenzo Esposito. Come era già accaduto domenica al Mediolanum Forum contro l’AX Armani Exchange Milano (10-23 al 10′), i bianco blu sono partiti con tanta intensità ed hanno messo in difficoltà una squadra di talento come quella russa. Per vincere questo tipo di partite bisogna essere costanti su tutti i 40′ e Brescia lo è stata. Oltre ai 22 punti realizzati, da evidenziare soprattutto l’efficace prova difensiva con soli 10 punti concessi.

Il collettivo

La chiave della vittoria è stata il contributo che tutti sono stati in grado di dare.  Nella conferenza stampa post partita, il coach campano ha voluto sottolineare questo aspetto: «Ciò che più mi premeva vedere era un gioco intelligente e sono molto felice, perchè abbiamo coinvolto tutti i giocatori in diversi momenti della gara: questa è stata la chiave e dovrà esserlo per tutte le partite». Oltre a queste parole, un altro dato su riflettere sono i 19 assist prodotti, sintomo che la circolazione del pallone di questa squadre è molto efficace e che tra i giocatori c’è la voglia di passarsi la palla. Nella pallacanestro le partite si vincono di squadra e non con le individualità. 

MVP

L’MVP della serata è senza dubbio Deandre Lansdowne. Il classe ’89 ha chiuso a referto con 21 punti (6/8 da 2 e 3/5 da 3 punti) in  27′.

La guardia americana ha tutte le carte in regola per diventare uno dei leader e trascinatori di questa squadra  nei momenti di difficoltà, perchè non ha paura di fare le cose ed in grado di prendersi le proprie responsabilità. Siamo solo all’inizio della stagione,  ma se il nativo di Albuquerque giocherà sempre così, allora i tifosi della Leonessa potranno stare tranquilli. Ad oggi possiamo dirvi che il giocatore promette bene, ma come sempre sarà il campo a dare il verdetto finale.

Nel dopo gara ha commentato così il successo: «L‘EuroCup è una competizione molto dura e sapevamo che l‘Unics Kazan è un’ottima squadra. Si è parlato molto della nostra squadra e di come abbiamo iniziato la stagione, ma dobbiamo continuare a lavorare duro. Ogni vittoria è importante, ma iniziare questa manifestazione con un successo lo è ancora di più per noi».

Jamar Smith ed Erick McCollum

Agli ospiti non è bastato il buon apporto che questi due giocatori sono riusciti  a dare alla propria squadra. Jamar Smith è stato il migliore dell’Unics Kazan con 22 punti realizzati in 28′ con (2/5 da 2, 5/7 da 3 e 3/4 dalla lunetta) e 22 di valutazione. Di seguito le sue parole dopo il match – «Brescia ha approcciato la partita in maniera molto solida e questo ha condizionato l’esito finale. Credo che però nel secondo e terzo quarto abbiamo giocato meglio, ma ora dobbiamo allenarci duramente per fare meglio».

Insieme a Smith bisogna anche parlare della gara disputata da Erick McCollum. Il classe ’88 ha chiuso con 16 punti (1/5 da 2, 4/8 dall’arco e 2/3 a cronometro fermo) in 28′ minuti con 16 di valutazione. 

I coach

Nel post gara coach Vincenzo Esposito analizza così il successo ottenuto: «Sapevamo che la partita sarebbe stata difficile, perchè non ci sono gare facili in EuroCup e neanche in Italia. Avevamo bisogno di giocare trascinati da una buona difesa e penso che abbiamo fatto un buon lavoro, con tanta energia e grande sforzo, oltre ad un giusto atteggiamento. La cosa che più mi sta sorprendendo è la capacità rapida di aggiustarsi all’avversario di turno: è ancora molto presto, ma è una squadra che ha un’identità già precisa e un’intelligenza cestistica importante. Questa vittoria vale molto per noi. Dopo aver vinto contro Milano sapevamo che non avremmo avuto abbastanza energia, ma come ho già detto  prima i ragazzi hanno difeso molto forte. Dobbiamo fare un passo per volta, ma noto che la squadra sta crescendo. Ora bisogna pensare alla contro Brindisi».

Di tutt’altro umore coach Dimitris Priftis, che commenta cosi il k.o dei suoi: «Faccio i miei complimenti a Brescia, perchè hanno giocato davvero una buona partita.  Fin dal primo quarto, non eravamo pronti, mentre loro a differenza nostro lo erano. Hanno giocato in modo solido e ci hanno messo in difficoltà. E’solo la prima partita della stagione, ma dobbiamo lavorare duro per migliorare». 

Next Post

Rodriguez e Scola non bastano, Milano si arrende a Monaco di Baviera

Comincia con una sconfitta la Turkish Airlines EuroLeague dell’AX Armani Exchange Milano, che sul parquet dell’Audi Dome è costretta ad arrendersi agli avversari. Dopo una prima frazione molto equilibrata (22-23) al 10′ in favore dei milanesi, nel secondo periodo i padroni di casa aumentano il ritmo e chiudono all’intervallo lungo […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: