Immenso Calathes, Pitino il condottiero della svolta. Bitadze saluta l’Europa da futura stella

Il Panathinaikos sbriga la pratica Buducnost e conquista i playoffs di Euroleague senza difficoltà in quest’ultima giornata.
Tanto da dire ma anche una stagione da analizzare nei nostri consueti 5 punti.

  • Nick Calathes. Basta il nome, ma è chiaramente il dominatore di questo finale di stagione. Prima segna la tripla col Cska, poi domina Milano sovrastando Mike James e alla fine chiude con una tripla doppia da 11-12-18. Seconda tripla doppia della storia dell’Euroleague. M-V-P
  • Il condottiero numero due porta il nome di Rick Pitino. Il leggendario coach a marchio Ncaa ha rivoltato la stagione del Panathinaikos travolgendo chiunque e portando una squadra che sembrava spacciata ai playoffs di Euroleague. Esuberante su twitter, eccellente in palestra. Il grande dilemma: Rimarrà?
  • Saluta le competizione europee la stellina Goga Bitadze, promesso alla Nba. Il georgiano chiude con 12+6 di media e un limpido talento destinato a brillare. Pochi mesi al Buducnost e un’esperienza forse limitata. I soldi chiamano, gli scout anche, ma forse un’anno completo di Euroleague gli farebbe comodo. Ma si sa certi talenti non rimangono, e l’Euroleague purtroppo lo sa bene.
  • Partita perfetta di James Gist semplicemente incontenibile. 19 minuti, 23 punti 6 rimbalzi 7/8 al tiro. Le speranze di Upset contro il Real Madrid passano soprattutto dalle sue mani e dal suo atletismo, forse ancora di più che da Calathes.
  • Saluta probabilmente l’Euroleague anche la cenerentola Buducnost. 6 vittorie e fondo della classifica, anche se dipende dal Darussafaka. Tre scalpi importanti: Cska, Real Madrid e Baskonia. Forse al Buducnost davvero non si poteva chiedere di più, qualche notte magica ai loro tifosi l’hanno regalata. Applausi
Next Post

Niente difesa, niente Playoff. La solita Olimpia Milano al capolinea europeo

L’illusione dura un tempo, come tante, troppe gare milanesi in stagione. Niente Playoff per la quinta stagione consecutiva, sebbene il roster di quest’anno fosse di assoluto livello, per nulla inferiore ad almeno 4 squadre che oggi sono davanti, anzi. L’Efes ha approcciato la gara in maniera decisamente conciliante, fornendo una […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: