Regular Season 2018-2019

Il vero segreto del Fenerbahce, le prime avvisaglie della crisi Panathinaikos

Il Fenerbahce è la nuova capolista solitaria di EuroLeague, una novità nella gestione di Zeljko Obradovic, visto che nella «New Era» solo Real Madrid e Cska erano riuscite ad issarsi in solitaria dopo 10 round di competizione. E’ il settimo successo in fila per i turchi, il primo in stagione regolare all’Oaka (record 0-12), mentre per i greci è il terzo ko in fila per un record insolitamente negativo: 5-6.

Le difficoltà verdi

Sul 59-61 con oltre 6’ da giocare, il Fenerbahce si prende la gara con le giocate di Lauvergne, Sloukas e Kalinic per il 63-73 decisivo. Due problemi enormi e sostanziali. Nel reparto lunghi Stephane Lasme è rimasto a guardare, Ian Vougioukas e James Gist hanno subito enormemente in difesa (31 punti dalla coppia Vesely-Lauvergne) senza essere fattore in attacco. E non si parli dei 220 centimetri di Georgios Papagiannis, che in questa EL viaggia a 8’ di media in sole 4 gare giocate. E poi attenzione a Keith Langford: 11.4 punti di media in stagione, 4 con solo 1/3 al tiro con il Fenerbahce. Ci sono stati i 33 contro il Baskonia, ma anche cinque gare ai margini, e un rapporto difensivo con Nick Calathes a dir poco fragile.

Nikola Kalinic

Facile parlare di Jan Vesely, miglior lungo di EuroLeague, ma occhio a Nikola. 18 punti, 4 rimbalzi, 4 assist e 1 palla rubata all’Oaka. Arrivato a Istanbul da specialista difensivo, il serbo è giocatore totale che lascia il segno con giocate non lette dalle statistiche, ovvero aiuti, determinazione e intensità.

Fenerbahce

Diciamolo subito: a Belgrado erano i turchi la squadra favorita. Lo straordinario stato di forma del Real Madrid, che si è ritrovato con il lusso Sergio Llull+Luka Doncic, ha mandato nel dimenticatoio le certezze di una lunga stagione, dove i turchi avevano mostrato di essere ancora in grado di garantire lo sprint della post-season 2017. Quella di Obradovic è una corazzata simile nella matrice ultima, ma contemporaneamente distante dal Panathinaikos dello scorso decennio, perchè senza un leader conclamato come Dimitris Diamantidis. La guida del pubblico è d’altronde Melih Mahmutoglu, l’orologio Kostas Sloukas, il dato numerico Jan Vesely. Il volto, appunto, è Zeljko Obradovic, che aggredisce l’Europa con rotazioni ampie e gerarchie in divenire, leggasi la crescita pre-pensionamento di Bobby Dixon, o il nuovo impatto di Luigi Datome. Un sistema in cui tutti crescono si evolvono, magari cadono nel dimenticatoio per poi tornare attuali. Marchio Fener, prima di tutto.

Related Articles

Rispondi

Back to top button
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: