opinioni Partite

L’Efes si conferma bestia nera del Fenerbahçe

Ogni squadra che si rispetti, per molto vincente che sia, ha la sua propria bestia nera. Quella del Fenerbahçe di Zeljko Obradovic è senza dubbio l’Anadolu Efes di Ergin Ataman, che infatti ha inflitto ai vice-campioni della competizione la prima sconfitta stagionale in Turkish Airlines Euroleague. Nella sfida disputata alla Sinan Erdem Dome di Istanbul e valevole per la quarta giornata di competizione, l’Efes si è imposto per 89-83 al Fenerbahçe in un derby dai due volti.

Andiamo ad analizzare la sfida attraverso cinque punti salienti.

  • Partenza a razzo del Fenerbahçe, rimonta dell’Efes. La squadra di Obradovic è partita fortissimo: ben messa in campo e concentrata, già nel primo quarto ha toccato il +16 e sembrava avere la partita in pugno. Dopo il primo parziale, chiusosi sull’eloquente 12-26,  si è vissuto un secondo quarto equilibrato, con le due squadre che sono andate all’intervallo con la stessa differenza sul marcatore (38-52). I padroni di casa hanno cambiato il chip nella ripresa: hanno trovato la forza di reagire, riuscendo a sorprendere i rivali e ribaltando la situazione. C’è molto del carattere di Ataman in questa rimonta, che ha annichilito i campioni di Turchia in carica.
  • L’Efes si ripete come bestia nera del Fener. Il Fenerbahçe 2018-19 fino ad ora aveva perso solo una partita ufficiale, la prima disputata in questa stagione: la Supercoppa di Turchia, proprio contro l’Anadolu Efes a inizio ottobre. Dopo questo primo scivolone, gli uomini di Obradovic avevano vinto tutte le partite disputate, le tre in campionato e le tre precedenti in Eurolega, fino a ritrovarsi di fronte nuovamente Ergin Ataman e i suoi, una squadra che evidentemente ha preso bene le misure ai rivali.
  • Le triple a segno, fattore decisivo. Quando una squadra ribalta un risultato di più di 20 punti ci sono ovviamente diversi fattori che contano. Una statistica che balza alla vista è la differenza di triple andate a segno: 13/23 (56.5%) per l’Efes contro il povero 5/17 (29.4%) del Fenerbahçe. La differenza è abissale: se l’Efes ha segnato 39 punti dai 6.75, il Fener ne ha fatti solo 15. In questa statistica, ovviamente, a parte la giornata negativa da parte dei tiratori della compagine gialloblu, c’è anche l’eccellente difesa messa in campo da Ataman.
  • Anadolu Efes, un successo collettivo. L’Efes ha battuto i più blasonati rivali grazie al gioco di squadra. Sia i titolari che gli uomini di rotazione hanno dato il loro contributo. A parte i quattro in doppia cifra: Rodrigue Beaubois (top-scorer con 17 punti), Adrien Moerman (MVP con 15 punti, 10 rimbalzi e 21 di valutazione), Tibor Pleiss e Vasilije Micic (13 punti a testa), vanno considerati anche i 7 punti, 3 rimbalzi, due assist, un recupero e una stoppata di un Kruno Simon a tutto campo e gli 8 punti (con 4/4 dal campo) di Bryant Dunston.
  • Fenerbahçe, non basta un enorme Jan Vesely. Se l’Efes ha giocato bene come collettivo, nel Fener, invece, ha brillato soprattutto un uomo, il ceco Jan Vesely, che ha messo a referto numeri da capogiro, avvicinandosi addirittura a una clamorosa tripla doppia: 24 punti (10/13 dal campo), 8 rimbalzi, 7 assist e 36 di valutazione. Di fianco a lui non male Kostas Sloukas con 11 punti e Marko Guduric con 10.  Al contrario gli italiani, che tante gioie avevano regalato alla squadra nei precedenti incontri, non hanno vissuto la loro miglior giornata: Nicolò Melli ha messo sì a segno 14 punti, ma con 4/13 dal campo e Gigi Datome ha segnato tre punti (1/6 dal campo).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...