La Coppa Italia parte col botto. Cremona strepitosa sulla delusione Avellino.

E’ servito un supplementare ad una splendida Vanoli per eliminare Avellino nella prima gara delle #Final8 di Firenze. Sorpresissima magari no, ma chi dava qualche chance agli uomini di Sacchetti? Solo i saggi cultori della “partita secca”, che nei primi turni è ancor più viscida per i favoriti.

Avellino era ed è più forte, Cremona è stata la squadra milgiore. Questo gioco, al suo meglio, permette sempre al protagonista più meritevole di uscire vincitore e così è stato.

Flash sui nostri abituali 5 punti.

  • Drake Diener è eterno. «Vinciamo noi» disse in fase di presentazione della Coppa. Diabolico, tutti a pensare che scherzasse… Fa un paio di giocate d’annata, ma ciò che impressiona è la crescita fisica da inizio stagione. Quando le gambe accompagnano, quel rilascio dall’arco resta poesia, insieme al modo di occupare il campo, semplicemente magistrale.
  • Giampaolo Ricci sta riscrivendo le regole di “hedge” e “blitz” contro il pick and roll. Eccellente prova difensiva, col solo limite di quei problemi di falli un po’ troppo costanti. Se Filloy, Fitipaldo (chiamare “chi l’ha visto?”) e D’Ercole finiscono spesso quasi a metà campo retrocedendo sulla pressione del giocatore nativo di Roma, vuol dire che l’atleta c’è e che la leggenda delle squadre di Meo che non difendono va un filo rivista. Ci mette pure grande attività ed ottime letture offensive.
  • Ecco il punto, Meo vs Pino. Non c’è stata gara, mai. Il primo gestisce con saggezza e tranquillità gli iniziali parziali irpini, quando il suo avversario potrebbe scavare una voragine ma non lo fa. Sparito Fesenko, entra Cremona, sorniona e consapevole. I due falli tecnici sono specchio dell’anima di questa gara: Pino si suicida regalando 4 punti con gli avversari già in lunetta per un 2+1, mentre Meo gira la partita, a palla ovviamente in mano agli avversari, con piena coscienza di ciò che sta facendo. «Oggi allenare è gestire. Ci sono allenatori migliori di Meo, ma come gestione di uomini e situazioni non è solo il numero uno, è molto di più». Una nobile voce, raccolta da #eurodevotion, la vede così. Sottoscrivere è un attimo.
  • Avellino ancora una volta cade in prossimità del traguardo. Diverse situazioni, diverse competizioni, una sensazione che si fa largo in modo inquietante. Insieme al problema Fitipaldo, che c’è ed è evidente. Sottoutilizzato, in crisi emotiva chiarissima, la situazione va gestita e subito, perché gli strascichi potrebbero essere assai dannosi.
  • Fesenko ed i 10 minuti di onnipotenza. Prima della sparizione. Dominante, immarcabile… chiamatelo come volete. Apre la partita senza dare scampo ai corpi avversari, inopponibili alla sua massa: con buona tecnica sembra fare a pezzi Cremona. Ma come spesso accade, la sua autonomia è questa, ad alto livello. Ed allora arrivano i danni, le manate, i gomiti figli di una lucidità mancante, addirittura un tecnico assai stupido, per tempi e modi. Ma la Scandone non può essere solo questo: perché sempre due piccoli in campo e non provare a dominare fisicamente gli esterni con Wells e Rich? Ad andare dietro al basket di Meo si rischiano brutte figure, chiedere alla Milano 2015 in caso di dubbio. Troppo spesso basket limitato ad un “p&r” molto minimalista che non può essere l’unica via. Il pregio di Pino è sempre stata la pragmaticità nel rendere semplici le situazioni: semplici è una cosa, insufficienti è quel che si è visto.
Next Post

Torino sorprende una Reyer Venezia troppo brutta per essere vera

Torino (Deron Washington nella foto di Alessia Doniselli)  piazza l’upset e supera la favorita Venezia nel secondo quarto di finale delle Final Eight 2018. Risultato sorprendente ottenuto con una partita quasi surreale in cui la Reyer di fatto scende in campo con 20 minuti di ritardo. Proviamo ad analizzare nei […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: