Gli Oscar di #eurodevotion dopo due terzi di stagione

Solo dieci gare al termine della stagione regolare e, come di consuetudine, abbiamo chiesto a tutti i nostri collaboratori di indicare, come avvenuto dopo un terzo di stagione, quelli che ritenevano i protagonisti principali secondo uno schema collaudato: MVP, miglior coach, quintetto base, sesto uomo, miglior squadra tecnicamente parlando, la sorpresa, sempre a livello di squadre, ed una nota tecnica rilevata nel corso della stagione che è parsa più importante delle altre.

Ecco i risultati, pronti, come sempre, a discuterne con tutti voi.

Dario Destri

MVP:  Doncic. La stellina del Real non smette di brillare, nonostante qualche nervosismo di troppo. La squadra è nelle sue mani, a 18 anni, ed è in grado di mettere a sedere qualunque avversario. Quel crossover contro Sloukas è qualcosa che bisogna ben tenere a mente.

Best coach: Jasikevicius. Semplicemente il migliore. Non che Obradovic sia scarso, ovviamente,  ma quello che sta facendo Saras con il materiale a disposizione è da cineteca. Una cavalcata splendida che vanta anche diversi rimpianti. Attenzione, per i Playoff i lituani ci sono.

Starting 5: Pangos, Doncic, De Colo, Shengelia, Hines.

Sesto uomo: Sergio Rodriguez a mani bassissime. Già il fatto che col suo talento esca dalla panchina la dice lunga sul CSKA, di cui lo spagnolo è ormai leader e come pochi spacca le partite. Intelligenza cestistica incalcolabile e micidiale sangue freddo nei momenti caldi.

Miglior squadra: Il Fenerbahce di Obradovic ha vissuto momenti difficili ma la capacità di trovare sempre una quadratura anche cambiando spesso i punti di riferimento è il chiaro segno di una squadra profondamente organizzata. merito dello stesso Obradovic e di giocatori scelti con cura ed intelligenza.

Squadra sorpresa: Dire Zalgiris è scontato, quindi premio il Pana di Pascual che sta mostrando una costanza invidiabile, trascinato da Calathes, sempre più top player.

Nota tecnica: Al secondo anno di questo formato, qualcosa è già cambiato. Aumentano le squadre vittoriose in back-to-back (vedi Milano) e diminuiscono i drammi di fronte a sconfitte pesanti (capitate a tutti). Forse si inizia a trovare un equilibrio tecnico e psicologico, laddove ogni partita è di fondamentale importanza. Aspetto interessante che può garantire maggiore programmazione.

 

Massimo Mattacheo

MVP: Nick Calathes. Leader, anche senza gran tiro da tre: è il miglior passatore d’Europa con 8,4 assist a sera. Continuo e capace di indirizzare le gare come pochi.

Best coach: Zeljko Obradovic. Dopo alcune difficoltà, ha trovato la quadra e come sempre si dovrà fare i conti con lui per vincere l’Eurolega.

Starting 5: Calathes, De Colo, Doncic, Shengelia, Hines.

Sesto uomo: Sergio Rodriguez. nell’anomalia di una sua uscita dalla panchina, è assolutamente il migliore.

Miglior squadra: CSKA. Da anni il miglior basket, sempre alle F4, non sempre vincente in quell’occasione. Spettacolari e capaci di sostituire Teodosic con Rodriguez senza problemi. Clybutn ha aggiunto atletismo e verticalità in un ruolo in cui la squadra necessitava di rinforzi.

Squadra sorpresa: Barcellona, in negativo. Non si vede luce in fondo al tunnel. Più che probabile il rischio di mancare i PO per il secondo anno consecutivo. Visti gli investimenti estivi sarebbe un bel fallimento.

Nota tecnica: Troppe partite chiuse dopo 10 minuti e scarti pesanti che hanno riguardato tutti. E’ a causa dei ritmi folli di gioco e delle trasferte: troppo dispendioso provare determinati recuperi ed allora si accetta anche lo scarto pesante guardando avanti.

Alessandro Maggi

MVP: Luka Doncic

Best coach: Pablo Laso

Starting 5: Calathes, De Colo, Doncic, Jankunas, Veselj

Sesto uomo: Nikos Pappas

Miglior squadra: Fenerbahce

Squadra sorpresa: Zalgiris Kaunas

Nota tecnica: Si conferma un appiattimento generale con gare chiuse prima del tempo e passivi sorprendenti. Il doppio impegno settimanale impoverisce l’aspetto tecnico e spettacolare. Insomma, si scimmiotta la NBA in un continente dove, per fortuna, non c’è la cultura NBA.

 

Laura Cristaldi

MVP: Per me è sempre De Colo. CSKA una spanna sopra gli altri ed il francese continua ad inanellare prestazioni eccellenti, che ormai non fanno più nemmeno notizia, perché è diventato quasi normale.

Best coach: Jasikevicius. Se lo Zalgiris occupa una posizione Playoff è grazie a lui.

Starting 5: Calathes, De Colo, Shengelia, Melli, Printezis.

Sesto uomo: Jaycee Carroll. Spesso e volentieri ribalta le partite con le sue triple quando la sua squadra è in difficoltà, partendo sempre rigorosamente dalla panchina.

Miglior squadra: Fenerbahce, sempre e comunque. magari i singoli non emergono come numeri, poiché i turchi sono una squadra vera che fa del collettivo il suo forte. Tutti fanno quello che devono fare ed in difesa sono fortissimi.

Squadra sorpresa: In positivo Zalgiris, in negativo Barça.

Nota tecnica: la quantità di infortuni che sta colpendo il Valencia ha raggiunto proporzioni pazzesche: ora pure Van Rossom, così non c’è nemmeno un play (su quattro!).

 

Antonio Mariani

MVP: De Colo per i risultati di squadra e Calathes per la crescita partita dopo partita.

Best coach: Obradovic resta il più forte di tutti. ma complimenti ad Itoudis: sembra quasi scontato ma è primo in classifica con un sistema di gioco solidissimo.

Starting 5: De Colo (Calathes), Shved, Shengelia, Jankunas, Stimac

Sesto uomo: Strelnieks

Miglior squadra: CSKA. Primi non per caso.

Squadra sorpresa: Maccabi e Zalgiris. Due squadre concrete e divertenti, bella pallacanestro.

Nota tecnica: L’impatto importante di diversi ottimi allenatori come Jasikevicius, Spahija e Bartzokas. Con squadre di livello non elevatissimo stanno ottenendo risultati importanti attraverso un sistema di gioco ottimale.

 

Alberto Marzagalia

MVP: Rimane in alto Shved, per l’impatto su una squadra che è buona ma non  eccellente e che rischia seriamente di portare ai Playoff (anche perché molto ben allenata). Ma oggi, il mio MVP è Sergio Rodriguez, semplicemente di un’altra categoria.

Best coach: Jasikevicius, perché lo Zalgiris gioca come il Fenerbahce senza essere il Fenerbahce. A pari livello Laso, che ha gestito una situazione di assoluta emergenza per mesi,  senza piangersi addosso e lavorando seriamente e con profitto.

Starting 5: Rodriguez-Shved-Datome-Clyburn (Shengelia)-Veselj

Sesto uomo: Dico ancora Strelnieks, nonostante le recenti difficoltà dell’Olympiacos. Anche se parte dalla panca, non riesco a vedere Rodriguez come un sesto uomo.

Miglior squadra: Per valore assoluto è il CSKA, appena sopra il Fenerbahce. Pallacanestro che è  perfetta sintesi di talento ed organizzazione.

Squadra sorpresa: Senza alcun dubbio lo Zalgiris in positivo: tra le ultime secondo i pronostici di tutti, oggi ad un passo dai Playoff. Negativamente Milano. Il roster non è da Playoff ma nemmeno da lotta per l’ultimo posto.

Nota tecnica: La pallacanestro dello Zalgiris, che ha dimostrato come anche oggi, nel mondo del “pick and roll”,  si debba e possa muovere palla e uomini, con tagli, blocchi ben fatti ed isolamenti molto ben organizzati ed efficaci. Individualmente, la difesa di Nikita Kurbanov, uno spettacolo di intensità e tecnica. A livello generale è molto intrigante la gestione dei ripetuti impegni di moltissime squadre: si è sofferto, appreso e messo in pratica. Lo spettacolo cresce di livello.

 

Sintetizzando gli autori di #eurodevotion, emerge questo risultato:

MVP : Condiviso tra De Colo, Doncic e Calathes.

Best Coach : Jasikevicius.

Starting 5 : Calathes, De Colo, Doncic, Shengelia, Veselj (Hines)

Sesto uomo: Rodriguez (Strelnieks).

Miglior squadra : CSKA e Fenerbahce a pari merito.

Squadra sorpresa : Plebiscito per lo Zalgiris. In  negativo impressiona il Barça.

Nota tecnica : Le diverse gare chiuse con scarti pesanti al pari dell’adattamento di molte squadre a questo formato attraverso l’ottimo lavoro dei coach.

Next Post

Rakim Sanders: “A Milano stavo bene, ma il Barça è uno scalino più in su”

Alla vigilia della sfida valevole per la 21ª giornata della Turkish Airlines Euroleague tra il FC Barcelona Lassa e l’Olimpia Milano abbiamo avuto l’occasione di scambiare quattro chiacchiere con l’ex di lusso dell’incontro, la guardia Rakim Sanders. Se la stagione di Milano in Europa non si può di certo considerare […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: