Il compleanno sognato di Nicolò Melli: 23 punti nella vittoria contro il Barça

Vittoria numero 14 del Fenerbahçe campione in carica in quest’edizione della Turkish Airlines Euroleague. La compagine turca ha battuto per 86-82 il FC Barcelona Lassa al termine di una sfida intensa e decisa dalla “battaglia” dei tiri liberi finali.

14 vittorie in 20 partite. Siamo ormai a 2/3 della stagione e si può dire che l’armata turca, salvo ecatombe inspiegabile, ha già un posto per i Playoffs in tasca. La stessa cosa non si può di certo dire per il Barça di Sito Alonso, che si trova attualmente relegato al 12º posto in classifica, con 7 vittorie come Valencia Basket e Brose Bamberg, meglio solo dell’Olimpia che ne ha 6 e del fanalino di coda, l’Anadolu Efes, fermo a quota 5.

Analizziamo la sfida vissuta alla Ülker Arena di Istanbul attraverso i nostri canonici cinque punti.

  • Nicolò Melli, tanti auguri a te! Il 26 gennaio di 27 anni fa nasceva a Reggio Emilia Nicolò Melli, di professione ala forte del Fenerbahçe. L’azzurro ha regalato a sé stesso, agli appassionati del Fener e a tutti i suoi tifosi una splendida prestazione a tutto campo, risultando ancora una volta decisivo nell’economia del gioco dei suoi. 23 punti, 4 rimbalzi e 2 assist in 31 minuti, nonché la sensazione di vederlo sempre presente nelle situazioni di gioco importanti e la sua solidità in difesa, una delle chiavi dell’esito della compagine allenata da Zeljko Obradovic.
  • Senza Kevin Séraphin il Barça nuoce poco nel pitturato. Al contrario della scorsa stagione, durante la quale i blaugrana avevano fatto i conti con una quantità assurda di infortunati, quest’anno Sito Alonso ha potuto disporre a piacimento della sua rosa, fino a quando lo scorso 4 gennaio il lungo francese Kevin Séraphin si era fatto male ad un ginocchio, e ne avrà ancora per un po’. Senza di lui, il Barça sotto canestro è tornato a soffrire, con Ante Tomic incapace di risultare decisivo. Sono anni che il centro croato vive delle sue statistiche. Sì, perché chi non guarda le partite e legge solo il boxscore può pensare che con 20 punti e 7 rimbalzi (27 di valutazione) Tomic sia stato il migliore dei suoi… Invece la sensazione trasmessa dal campo è diametralmente opposta. I suoi canestri sbagliati hanno pesato di più di quelli messi a segno, perché arrivati in momenti “clutch”, inoltre in difesa è stato scavalcato spesso e volentieri, nonostante i 2.18 (venendo “posterizzato” anche da Melli, che è alto 13 centimetri meno di lui).
  • Brad Wanamaker, un mastino tuttofare. A 28 anni d’età e nella piena maturità agonistica, Brad Wanamaker si è ritrovato nel miglior contesto possibile per brillare e far valere le sue doti. Eppure la scommessa per il Fenerbahçe non era così scontata, visto che i turchi contano su altri playmaker di lusso come Kostas Sloukas, Bobby Dixon o Sinan Guler. Ma l’americano non ci ha messo molto a ritagliarsi il ruolo di titolare, e anche contro il Barça è stato il migliore in campo, con 24 punti (3/4 in triple), 7 assist e 5 rimbalzi. Con 33 di valutazione è stato l’MVP della 20ª giornata di Eurolega.
  • Le triple mantengono in vita, ma non bastano. Il Barça ha disputato una splendida partita considerando i tiri dai 6.75, con 13/26 in triple. Un ammirevole 50% e quindi ben 39 punti arrivati con “bombe” dalla lunga distanza. Impeccabile Petteri Koponen (4/4) ed eccellenti Thomas Heurtel (4/5) ed Adam Hanga (3/4); bene anche Victor Claver con 2/4. Le triple hanno permesso ai blaugrana di restare in partita fino alla fine, ma non sono bastate: la pallacanestro, almeno in Europa, non è fatta tutta di tiri da oltre l’arco.
  • Rakim Sanders, mai in partita. A meno di una settimana dalla sfida contro la sua ex Olimpia Milano di giovedì prossimo e la settimana dopo risultare decisivo per i suoi con il canestro vincente che era valso la vittoria contro il Brose Bamberg, l’incostante giocatore è stato autore di una prestazione pessima: nessun punto messo a segno in 15 minuti, con 0/3 da due e 0/3 in triple, 4 rimbalzi, 2 palle perse e -3 di valutazione. Questo Barça, soprattutto senza Séraphin, ha bisogno della sua miglior versione per aspirare a vincere delle sfide così combattute.
Next Post

Difese ballerine e un Cole in grande spolvero, il Maccabi espugna il Forum

Il Maccabi Tel Aviv sbanca il Forum e interrompe una striscia consecutiva di cinque sconfitte in trasferta che era diventata un problema per assicurarsi un posto tra le magnifiche otto d’Europa. La squadra di Spahija gioca una partita offensivamente ai limiti della perfezione, agevolata anche da una difesa di Milano […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: