Il Barça schiaccia uno stanco Valencia Basket nel derby spagnolo

Il FC Barcelona Lassa ha avuto la meglio sul Valencia Basket nel derby spagnolo valevole per l’ottava giornata di Turkish Airlines Euroleague, imponendosi nettamente per 89–71 in una sfida che non ha avuto molta storia. Gli uomini allenati da Sito Alonso sono riusciti a scappare nel marcatore durante il secondo periodo e un Valencia Basket con ancora nelle gambe i 50 minuti disputati contro l’Olimpia Milano non è riuscito a reagire. Lo svantaggio accumulato all’intervallo era ormai troppo per i valenciani, che non erano riusciti a rimontare, ma almeno erano tornati a lottare, salvando l’orgoglio e la pazienza di coach Vidorreta.

Andiamo ad analizzare come di consueto la sfida prendendo in considerazione cinque punti.

  • Il Valencia Basket era stanco e si vedeva. I taronja avevano giocato due tempi supplementari due giorni prima contro l’Olimpia Milano, nella sfida clamorosamente vinta dagli ospiti. I dieci intensi minuti extra si erano fatti sentire nelle gambe degli uomini allenati da Txus Viderreta, apparsi spesso appannati in attacco e in ritardo in fase difensiva. A parte la stanchezza fisica, si notava anche un certo esaurimento mentale, per una squadra evidentemente non abituata a giocare con quest’intensità ogni due giorni.
  • Il Barça ha difeso forte, costringendo i rivali ad allungare i possessi palla all’estremo e a tirare decisamente poco, soprattutto dalla lunga distanza. Negli ultimi minuti del secondo quarto la difesa dei blaugrana ha fatto commettere due infrazioni di 24 secondi consecutive al Valencia Basket, non permettendo loro neanche di tentare il tiro. Erick Green non è riuscito ad essere determinante. Il Barça ha chiuso bene gli spazi sulla stella del Valencia Basket, che non è riuscito a nuocere, costretto a forzare i tiri e sbagliarne parecchi. Il giocatore ha poi arrotondato le sue statistiche nel garbage time.
  • L’attacco blaugrana ha mille risorse. I locali sono riusciti a staccarsi nel marcatore durante la prima parte grazie alle triple (9/16 nella prima parte della sfida), mentre nella seconda metà dell’incontro sono stati più i canestri in penetrazione e in transizione. Pierre Oriola ha fatto valere la legge dell’ex con 14 punti senza sbagliare neanche un tiro (4/4 da due e 2/2 in triple) e 4 rimbazi.
  • Gli uomini di Sito Alonso non si sono fatti prendere dal panico. Se il Valencia Basket due giorni prima aveva dilapidato un vantaggio di 16 punti contro l’Olimpia Milano, al Barça era andata pure peggio, con una supremazia di +26 in trasferta contro il Brose Bamberg gettata al vento e terminata in sconfitta. Sospinti dal pubblico di casa, i blaugrana non hanno perso la concentrazione come due giorni fa e hanno mantenuto alto il ritmo di gioco.
  • Le due squadre si troveranno faccia a faccia nello stesso scenario con meno di 48 ore di differenza per la sfida di campionato. Ormai l’Europa, con il nuovo formato in Eurolega e il campionato spagnolo estremamente competitivo, regala questi scenari che erano comuni solo in NBA. Domenica alle 18.30, infatti, la nona giornata di Liga ACB prevede la stessa sfida: FC Barcelona Lassa vs. Valencia Basket. I taronja cercheranno la rivincita.
Next Post

La difesa e un ritrovato Kalnietis spingono l'Olimpia, ma quanto è importante vincere a rimbalzo..

Milano centra un secondo successo consecutivo di importanza infinita, e lo fa con una rimonta firmata dalla grinta e dalla difesa. Con il segno pesante di Curtis Jerrells e Mantas Kalnietis. Una settimana fa parlavamo di squadra in regressione, vediamo nei nostri 5 punti cosa è cambiato. -Vinci a rimbalzo […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: