Annunci
Regular Season 2018-2019

Olympiakos vs Efes #1: Dominio greco sotto i tabelloni, Efes troppo individualista

Tutto facile per l’Olympiakos che si impone in ogni fase del gioco contro un deludente Efes. 87-72 il punteggio finale ma andiamo a vedere i cinque punti focali di questa gara 1.

  • I padroni di casa hanno nettamente dominato a rimbalzo: 47-31 il confronto ma il dato più pesante è quello dei rimbalzi offensivi, ben 18 per l’Olympiakos. Questo cosa vuol dire? Vuol dire tanti extra possessi e infatti i greci mettono a referto 24 punti da seconda opportunità contro i soli 4 dell’Efes. Un confronto senza storia.
  • Vangelis Mantzaris, l’uomo chiave della partenza sprint dell’Olympiakos. Nel primo parziale mette a segno due triple (di cui una micidiale in transizione) ed è una presenza consistente a rimbalzo. Chiuderà con 4/8 dall’arco e 6 rimbalzi e due rubate. Fondamentale.
  • La varietà dell’attacco dell’Olympiakos è un arma fondamentale per coach Sfairopoulos. Poter alternare folate offensive di Mantzaris, Erik Green e Spanoulis toglie punti di riferimenti alla difesa turca che non riesce ad adattarsi ai vari momenti “on fire” degli avversari. Bravo Sfairopoulos a gestirli lasciando spazio al momento giusto.
  • Georgios Printezis ancora una volta una sicurezza, anche quando il tiro non brilla. 3/10 complessivo dal campo per il greco ma anche 11 rimbalzi di cui 5 offensivi, chiudendo comunque con una doppia doppia. Printezis un’assoluta certezza per l’Olympiakos da entrambi i lati del campo.
  • La stoppata di Deshaun Thomas. Scegliamo questo incredibile gesto atletico su Birch (deludente in gara 1 ) per simboleggiare la voglia di rivincita dell’Efes. Il problema è che l’attacco vive su azioni individuali (Honeycutt-Heurtel-Granger bene offensivamente) ma poco di squadra. Inoltre l’Efes non può sperare di competere coi lunghi avversari se Dunston chiude con un solo rimbalzo a referto. Ripartire dall’orgoglio di quella stoppata, ma soprattutto dalla voglia di rivincita deve essere l’imperativo di Coach Perasovic.
Annunci

Dario Destri

Basket come droga. Da anni presente al Forum in tribuna stampa, nel mentre continuo a sognare un titolo dei Phoenix Suns, se non amate Steve Nash non vi voglio nemmeno conoscere (semi-cit.) Non esiste niente di più bello di una Final Four di Euroleague

Related Articles

Back to top button
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: