Olympiakos vs Efes #1: Dominio greco sotto i tabelloni, Efes troppo individualista

0 0
Read Time:1 Minute, 31 Second

Tutto facile per l’Olympiakos che si impone in ogni fase del gioco contro un deludente Efes. 87-72 il punteggio finale ma andiamo a vedere i cinque punti focali di questa gara 1.

  • I padroni di casa hanno nettamente dominato a rimbalzo: 47-31 il confronto ma il dato più pesante è quello dei rimbalzi offensivi, ben 18 per l’Olympiakos. Questo cosa vuol dire? Vuol dire tanti extra possessi e infatti i greci mettono a referto 24 punti da seconda opportunità contro i soli 4 dell’Efes. Un confronto senza storia.
  • Vangelis Mantzaris, l’uomo chiave della partenza sprint dell’Olympiakos. Nel primo parziale mette a segno due triple (di cui una micidiale in transizione) ed è una presenza consistente a rimbalzo. Chiuderà con 4/8 dall’arco e 6 rimbalzi e due rubate. Fondamentale.
  • La varietà dell’attacco dell’Olympiakos è un arma fondamentale per coach Sfairopoulos. Poter alternare folate offensive di Mantzaris, Erik Green e Spanoulis toglie punti di riferimenti alla difesa turca che non riesce ad adattarsi ai vari momenti “on fire” degli avversari. Bravo Sfairopoulos a gestirli lasciando spazio al momento giusto.
  • Georgios Printezis ancora una volta una sicurezza, anche quando il tiro non brilla. 3/10 complessivo dal campo per il greco ma anche 11 rimbalzi di cui 5 offensivi, chiudendo comunque con una doppia doppia. Printezis un’assoluta certezza per l’Olympiakos da entrambi i lati del campo.
  • La stoppata di Deshaun Thomas. Scegliamo questo incredibile gesto atletico su Birch (deludente in gara 1 ) per simboleggiare la voglia di rivincita dell’Efes. Il problema è che l’attacco vive su azioni individuali (Honeycutt-Heurtel-Granger bene offensivamente) ma poco di squadra. Inoltre l’Efes non può sperare di competere coi lunghi avversari se Dunston chiude con un solo rimbalzo a referto. Ripartire dall’orgoglio di quella stoppata, ma soprattutto dalla voglia di rivincita deve essere l’imperativo di Coach Perasovic.

About Post Author

Antonio Mariani

Laureando in Lettere presso La Sapienza di Roma e appassionato di Sport Business, viaggia ossessivamente per studiare le culture sportive nel mondo. Oggi è Social Media Manager presso IQUII e giornalista sportivo di pallacanestro per Eurodevotion.
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Real Madrid vs Darussafaka #1: Una capolista che torna sempre e solo da Llull e le pecche di Zizic…

Real Madrid-Darussafaka. Ovvero il grande spavento, se si vuole leggere il +12 ospite come un evento isolato, o la grande preoccupazione. Per capirlo, ecco i cinque punti di eurodevotion. – Il gioco Darussafaka. Luca Banchi, in sede di presentazione della serie, aveva parlato della fisicità di Wanamaker e Clyburn. In […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: