Annunci
Squadre

Fenerbahce

SEDE: Istanbul, Turchia

ARENA: Ulker Sports Arena (13.800 posti)

155 vittorie e 147 sconfitte, 15 anni consecutivi di partecipazione all’Eurolega, 9 TOP 16, 2 Playoff e 2 Final Four entrambe negli ultimi due anni. Sono numeri importanti, perfino eclatanti, ma non possono prescindere dagli eventi del 2006, quando si verificò la fusione con l’Ulker, allora reale “powerhouse” turca.

Se da un lato la storia del Fenerbahce Spor Kulubu, iniziata nel 1907, non conta alcun titolo, da un altro si può tranquillamente definire la squadra del presidente Aziz Yildirim la più fresca delle superpotenze europee.

Zeljko Obradovic in panchina è sinonimo di competitività ai livelli più alti e le condizioni che impone la sua presenza, ovvero una cifra base di 5 milioni di €uro per lui ed il suo selezionassimo staff, rappresentano un investimento che non può non portare al titolo europeo più importante, pena la definizione di fallimento totale. L’essere riusciti a confermare Udoh, Vesely e Bogdanovic, al pari dei clamorosi investimenti per altri giocatori di buon livello (5,1 min in tre anni per Gigi Datome su tutti) ci dice chiaramente che la prossima stagione vedrà la Ulker Sports Arena teatro dei duelli più importanti di tutta la manifestazione.

Sette anni dopo la fondazione del club il basket entrò nella geografia gialloblu, ma ci vollero più di quarant’anni per vincere il primo titolo nazionale che arrivò nel 1957, bissato poi nel 1959 e rivinto nel 1965, in realtà prima della fondazione della Turkish League  nel 1966.

26 anni di digiuno prima del campionato vinto contro il Tofas nel 1991, seguito dalle finali del 1992, 1993 e 1995. Fu con la fine del secolo che le ambizioni del Fener poterono crescere esponenzialmente, con giocatori come Kutluay, Abdul-Rauf e Milic.

In realtà arrivarono solo gli ottavi del 1998 in occasione della sconfitta col Real Madrid e qualche discreto risultato in Korac, prima di potersi realmente definire una potenza, dal 2006 in poi.

Fu l’anno della fusione nell’Ulker, reale dominatore della scena turca a cavallo del secolo nonché protagonista in TOP 16 dal 2002 al 2006. Due titoli turchi consecutivi subito dopo la fusione e “double” nazionali nel 2010 e 2011: erano gli anni dei Turckan e dei Preldzic.

L’arrivo di Obradovic portò il titolo nazionale del 2014 (diserzione in gara-7 del Galatasaray) ma la stagione seguente, storica per diversi punti di vista grazie all’approdo alla Final Four in cui arrivò la sconfitta con il Real poi campione, rimase senza alcun titolo dopo l’inopinata uscita di scena dai Playoff con la sorpresissima Pinar Karsiyaka, in seguito campione contro ogni pronostico dopo aver sconfitto anche l’Efes.

Della stagione appena conclusa si è già detto riguardo l’Eurolega: la vittoria in campionato rappresenta qualcosa di pressoché scontato, mentre nella memoria dei tifosi gialloblu rimane impressa la bomba allo scadere di Bogdanovic che ha regalato la Coppa Nazionale ai danni del Darussafaka Dogus.

 

Coach Obradovic (confermato)

Contratto Hersek (f), Udoh (f/c), Mahmutoglou (p), Antic (f), Bogdanovic (g), Sloukas (g), Vesely (f/c) Kalinic (f), Dixon (p), Datome (f)

Cessioni Hickman (p-Milano)

Acquisti Nunnally (f-Avellino), Duverioglou (c-Anadolu)

Annunci
Tags

Related Articles

Back to top button
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: