Eurodevotion Starting 5: il nostro quintetto ideale del Round 4 di Eurolega

0 0
Read Time:1 Minute, 59 Second

Starting 5, la nostra selezione del quintetto ideale nel Round 4 di Eurolega.

Appuntamento con il nostro “Starting 5”, ovvero il miglior quintetto del Round 4 di Eurolega che ha chiuso la prima settimana della stagione da doppio turno.

MIKE JAMES (Monaco)

Dopo la “pausa” di Tel Aviv torna ad essere il giocatore dominante che conosciamo. 27 con 9/16 al tiro, 4 rimbalzi e 3 assist. Il Principato è suo e questa squadra, quando rende in questo modo, è difficilmente battibile.

Piccole annotazioni che dicono molto: ha solo 6 perse in 4 gare, lo stesso numero dei recuperi, e subisce 6,5 falli a partita. Sta tirando male da tre (23,2%): se comincia ad entrare pure quello…

Mike James Eurolega

JAMES NUNNALLY (Partizan)

20 con 3 soli errori al tiro, senza punti dalla lunetta ed aggiungendo 4 rimbalzi e 4 assist. Si riprende subito dal disastro contro Milano e ci rende ancor più chiaro come il suo apporto sia fondamentale per qualsiasi tipo di aspirazione dei serbi.

DERRICK WILLIAMS (Panathinaikos)

Lampi di un talento che potrebbe fare a fette chiunque ma che troppo spesso si è perso per i parquet d’Europa. Il ritorno della guida tecnica di Radonjic ce lo riporterà al massimo come nella stagione al Bayern?

Contro Monaco 28 con 6 rimbalzi e 6 falli subiti. Lui può cambiare il destino del Pana ed ora che è arrivato anche Dwayne Bacon le speranze verdi aumentano esponenzialmente.

SASHA VEZENKOV (Olympiaocos)

Guida la lega per valutazione (28,8), punti (23) e rimbalzi (10,3). Ormai è difficile trovare aggettivi e se l’Olympiacos si trova lassù e dà l’idea di un sistema ben consolidato il merito è principalmente del suo straordinario rendimento e della perfetta intesa con Kostas Sloukas.

JOHNATHAN MOTLEY (Fenerbahçe)

Ancora una volta perfetto nell’interpretare il gioco di Calathes, sempre prontissimo a trasformare in punti le letture del greco, sta cancellando ogni dubbio che potesse esserci sul suo impatto in Eurolega.

13 punti con 5,5 rimbalzi ed il 67% dal campo in poco più di 22 minuti sul parquet sinora.

MENZIONI D’ONORE

Gaby Deck, piena fiducia di Mateo ben ripagata sempre, Vasa Micic, 20+11 con momenti di dominio, Nik Melli, leadership totale per Milano, Mathias Lessort, altra prova solida oltre i propri noti limiti, e Christ Koumadje, 6 stoppate ed una presenza che va oltre i 223cm al Sinan Erdem come già in precedenza.

About Post Author

alberto marzagalia

Due certezze nella vita. La pallacanestro e gli allenatori di pallacanestro. Quelli di Eurolega su tutti.
Happy
Sad
Excited
Sleepy
Angry
Surprise

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Il Barça non brilla, ma impone la prima sconfitta a Tenerife al Palau

Un’accelerata nel secondo tempo consente al Barça di avere la meglio sulla truppa di Vidorreta Al Palau una sfida di qualità mediocre incorona la terza vittoria consecutiva del Barça in Liga, sebbene la squadra abbia confermato ancora, nella sua versione ‘turnover’, alcune difficoltà. La vittima è un similmente opaco Lenovo […]

Iscriviti alla Newsletter di ED

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: