Baskonia-Stella Rossa (R3): Howard ne mette altri 30 e i baschi rimangono imbattuti

0 0
Read Time:3 Minute, 42 Second

Il Baskonia continua a vincere in Eurolega, questa volta è la Stella Rossa a cadere sotto i colpi di Howard e compagni col risultato di 92-75. Ora i baschi sono in testa alla classifica con tre vittorie in altrettante partite insieme ad Alba, Fener e Oly.

La Stella Rossa, dall’altra parte, rimane ancora a secco di vittorie nonostante sia rimasta in partita per tre quarti di gara prima di cedere agli avversari nell’ultimo periodo subendo, alla fine, un passivo fin troppo pesante per quanto si è visto in campo.

Il racconto di Baskonia-Stella Rossa nei 3 punti di Eurodevotion.

baskonia

Baskonia: altra grande serata dall’arco

Il Baskonia soffre a rimbalzo, fatica in difesa, soprattutto dentro l’area, ma vince ancora una volta e lo fa grazie al tiro da tre punti, diventato ormai l’arma principale della squadra di Penarroya. Dopo il 44,7% di settimana scorsa contro il Partizan, questa sera i baschi hanno tirato con il 52,8% da dietro l’arco con 19 triple mandate a bersaglio su 36 tentativi. Sono la miglior squadra della competizione per percentuale da tre punti con il 44,9%.

Con questi numeri è normale pensare che il Baskonia faccia girare molto bene la palla permettendo ai propri tiratori di prendersi dei buoni tiri, ma non è sempre così. Sicuramente alcune triple sono frutto di una buona circolazione di palla, ma molte altre derivano da giocate individuali. Ne sono un esempio le triple da fermi, senza ritmo, di Thompson e Costello, quelle in step back di Hommes e Howard. Spesso e volentieri è quindi una questione di puro talento dei singoli giocatori.

Da una parte questa è una buona notizia per coach Penarroya visto che può contare su un roster pieno di talento, dall’altra bisogna essere consapevoli del fatto che sarà difficile tirare con queste percentuali in ogni partita e quindi bisognerà sviluppare soluzioni alternative e meno dipendenti dalle giocate dei singoli, ma c’è tutto il tempo per farlo. Per ora questo basta per vincere ed essere il miglior attacco dell’Eurolega con 92 punti di media a partita.

Stella Rossa: bene il primo tempo, male il secondo

La Stella Rossa ha giocato una buona partita solo per un tempo e questo non è bastato per portare a casa la vittoria.

Nei primi venti minuti la palla si è mossa bene, c’era un buon ritmo in attacco e sono entrati molti tiri, tant’è che i serbi hanno chiuso la partita con il 47,4% da tre punti. Inoltre, sui 20 assist complessivi dei serbi, 13 sono arrivati proprio nel primo tempo. Dopo l’intervallo, però, qualcosa ha smesso di funzionare, senza una chiara motivazione. Nei secondi venti minuti di partita, infatti, la produzione offensiva dei serbi è stata piuttosto scarsa, hanno segnato solamente 28 punti (10 nel terzo quarto) contro i 47 del primo tempo e hanno perso 10 palloni (sui 15 complessivi).

In più, la squadra di Jovanovic avrebbe dovuto sfruttare meglio il dominio a rimbalzo a proprio favore. I baschi continuano ad avere problemi sotto canestro e anche oggi sono stati surclassati a rimbalzo. Sono 36 le carambole catturate dai serbi contro le 25 del Baskonia, 10-6 per quanto riguarda quelle offensive. Quasi inspiegabile perdere con questo scarto nonostante una così netta superiorità nel pitturato.

Altro trentello di Markus Howard

Markus Howard non ha intenzione di fermarsi. Dopo i 33 messi a segno contro il Partizan, segna 30 punti contro la Stella Rossa, tirando 7/12 da tre e subendo 10 falli. Sembrava non fosse la sua serata, infatti aveva iniziato la partita sbagliando due tiri da tre, ma nel secondo quarto tutto è cambiato.

In un amen ha segnato tre triple, un “and one” e tre liberi dopo un fallo su tiro da tre in un momento di totale onnipotenza cestistica. Qualsiasi conclusione che si prendeva la mandava a bersaglio e non c’era modo di fermarlo. Dopo un terzo quarto silente, nell’ultimo periodo ha segnato altre tre triple di cui due da 8 metri chiudendo a modo suo la partita.

Quello che stupisce di questo giocatore è la facilità con la quale segna alcuni tiri dall’altissimo coefficiente di difficoltà, dando la sensazione di essere infermabile quando si accende. Ora c’è l’Olympiacos, vedremo se i greci riusciranno ad arginarlo.

Tra i baschi, bene anche Darius Thompson, che ormai è una garanzia, per lui 18 punti con il 100% da dietro l’arco, 4 rimbalzi e 4 assist; Marinkovic con 10 punti e Hommes con 9.

Happy
Sad
Excited
Sleepy
Angry
Surprise

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%
Next Post

Niente bis per Valencia: vince il Fenerbahce in rimonta

Taronja anche sul +13, ma nel secondo tempo esce fuori il Fenerbahce: finisce 79-77. Nonostante un grande avvio, non riesce la “doppietta” turca a Valencia, a vincere è il Fener. Analizziamo la partita nei soliti 3 punti di Eurodevotion. Valencia avanti a suon di triple Inizio infuocato per gli ospiti, […]

Iscriviti alla Newsletter di ED

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: