Supercopa Endesa 2022: “clasico” già scritto o spazio per una sorpresa?

0 0
Read Time:2 Minute, 41 Second

Supercopa Endesa 2022 che apre la stagione del torneo più importante del mondo dopo la NBA. A Siviglia sarà “clasico” in finale o qualche possibilità per Badalona e Betis?

Sabato parte la stagione spagnola e la Supercopa Endesa sarà la prima occasione per verificare lo stato di forma delle due grandi, Real e Barça, nonché le aspirazioni di Joventut Badalona e Real Betis, rivali che proveranno a ribaltare il pronostico nelle semifinali.

E sarà certamente il momento per celebrare il recentissimo trionfo ad Eurobasket, con però la presenza, sul parquet di soli due giocatori: Rudy in maglia Real e Joel Parra con quella di Badalona.

Il trofeo di Supercopa ha girato la splendida città andalusa, da la Giralda a la Catedral, fino Plaza de Espana in attesa di finire nelle mani del vincitore domenica sera, quando si giocherà la finale alle 1830.

Al San Pablo scenderanno in campo prima Real Madrid e Betis, alle 1830, dopodiché sarà la volta del derby catalano tra Barça e Penya (2130).

Proprio queste due ultime squadre si sono affrontate ieri sera nella finale di Liga Catalana, competizione sempre sentita da quelle parti (3947 spettatori al Palau d’esporta di Tarragona), col successo “blaugrana” 92-82. 17 di Kalinic (11 nell’ultimo quarto), 12 di Abrines e Laprovittola, 11 di Kuric per la squadra di Jasi che ha un po’ sofferto i lunghi “verdinegro”, autori di 47 punti complessivi (16 Ellenson e Birgander, 15 di Tomic).

Scatto della Penya (14-5), rientro Barça fino al vantaggio 41-37 di metà gara, poi allungo decisivo già nel terzo quarto e conferma finale con Laprovittola e Kalinic autori di 20 dei 24 punti della squadra negli ultimi 10′.

Difficile trarre indicazioni indicazioni precise da un preseason particolare per le tante assenze dovute ad Eurobasket. I giocatori sono rientrati tutti ma ovviamente vengono utilizzati con grande equilibrio in vista di una stagione che si preannuncia di altissimo livello. I favori del pronostico vanno in ogni caso agli uomini di Jasi.

Ovvio che lo stato di forma di chi si sta preparando da inizio agosto ed ha già nelle gambe un torneo importante come la competizione continentale per squadre nazionali sia un fattore di cui tener conto. Da valutare se peserà di più questo aspetto oppure un rilassamento dopo settimane così intense.

Meno equilibrata, almeno sulla carta, l’altra semifinale, quella che opporrà i padroni di casa (formula vincente da tempo, la ACB invita sempre chi ospita la manifestazione) del Real Betis ai “blancos” di Madrid.

C’è molta attesa per vedere all’opera gli uomini di Chus Mateo, al primo trofeo dopo 11 anni senza la presenza di Pablo Laso in panchina.

E ce n’è anche per Shannon Evans, sensazionale nel guidare la rimonta andalusa che ha portato alla miracolosa salvezza, ripartendo questa stagione con rinnovata ambizione. Francamente non vedere la razzente guardia a livello di Eurolega od almeno di alta Eurocup ha stupito non poco. Se lo godrà nuovamente Luis Casimiro, già “Caronte” di quella salvezza che pareva insperata dopo il girone di andata.

Quindi, “clasico” già scritto in finale? Le possibilità sono alte come sempre, ma le anomalie di questo inizio di stagione suggeriscono grande prudenza in questa fase.

Saremo a Siviglia e da domani vi racconteremo tutto.

About Post Author

alberto marzagalia

Due certezze nella vita. La pallacanestro e gli allenatori di pallacanestro. Quelli di Eurolega su tutti.
Happy
Sad
Excited
Sleepy
Angry
Surprise

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: